Due storie come altre di Ludovico Caldarera

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 05/04/2019
21:00 - 22:30

Luogo
Il Teatrino

Categorie


“DUE STORIE COME ALTRE” di Ludovico Caldarera
LU TRENU DI LU SULI – COLAPISCI

LU TRENU DI LU SULI di Ignazio Buttitta

“È dal buio che nasce la luce e lo sa bene Turi Scordu che, strappato alla sua terra come un albero alle radici, dall’oscurità delle miniere di carbone in Belgio ha acceso la luce di un nuovo inizio per la sua famiglia giù a Mazzarino.

Ecco perché la moglie lo raggiungerà. Anzi, è già salita con i figli sul treno, il treno del sole.

Sulle rotaie sembra proprio di volare, lanciati da un destino che niente può frenare, inarrestabile come il tempo che batte i suoi giri intorno al sole e illumina ogni giorno i nostri passi fino a sera. Come sarà cambiare paese? E gli stranieri?

Tutto è nuovo, tutto è una domanda, tutto è un mistero di felicità, una luce, un sole a cui più ti avvicini più finisci per bruciarti.

Bruciarti come per un’esplosione in Belgio, un incidente, una notizia che viaggia incontro al treno sui fili di una radio strappando la pelle di Rosa Scordu con la violenza improvvisa di una lingua straniera.

Dov’eravamo un attimo fa e dove siamo adesso?

Il vagone, lo stesso vagone di prima, è diventato fossa e fiamma straziante che accende l’alba di un altro giorno. Un giorno inarrestabile come il treno che batte i suoi giri intorno al sole”.

LA LEGGENDA DI COLAPESCE

Cola era un giovane che amava così tanto il mare da passare tutto il tempo in acqua. Era così bravo a nuotare che in paese lo chiamavano Pesce; per tutti divenne infatti Colapesce. Quante storie raccontava di quel mondo sotto il mondo! E le barche che aiutava, e le creature che incontrava! Ma la mamma, preoccupata per quella ‘stravaganza’, un giorno, con rabbia, esclamò: “Che tu, o Cola, possa davvero diventare un pesce”! Intanto, Federico II, Re di Sicilia, che cercava uno marito coraggioso e aitante per la propria figlia, gli offrì di prendere in sposa la principessa a patto che riuscisse a recuperare dal profondo degli abissi una coppa, una collana e un anello. Colapesce, trovò i primi due oggetti preziosi, ma dell’anello e del giovane nessuno seppe mai più niente. Certo è che Colapesce non fece più ritorno.

Da quel momento, tante storie vennero raccontate. Alcuni riferirono che il giovane, in fondo al mare, vide che una delle tre colonne che reggono la Sicilia, stava per infrangersi e temendo che l’isola potesse scomparire, corse per sorreggerla. Altri riferirono che ancora oggi Cola vaghi negli abissi alla ricerca di quell’anello da donare alla principessa. Ma si sa, un anello è troppo piccolo per il mare così grande…

I posti sono limitati, richiesta prenotazione
Per informazioni 327 6783159

Calendario

<< Nov 2019 >>
lmmgvsd
28 29 30 31 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 1