Nuove Pratiche fest 2019 – Comunità Planetarie

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 13/04/2019
10:00 - 21:00

Luogo
CRE.ZI. PLUS

Categorie


La quinta edizione di Nuove Pratiche fest indaga un tema attuale e complesso: l’immaginario e la riflessione collettiva sulla costruzione di nuove comunità mobili e pluriculturali in cui – in controtendenza rispetto alle narrazioni dominanti – la diversità è considerata un’opportunità e non una minaccia.
La società planetaria è allora una società in movimento in cui bisogna imparare a non ostacolare e ove possibile favorire il gioco delle trasformazioni, accompagnare gli ecosistemi in quella che la teoria del caos chiama retroazione, iniziare a pensare al cambiamento con nuovi paradigmi, perché viviamo già in nuovi giardini.

Programma
a cura di Cristina Alga, Andrea Libero Carbone, Federica Fulghesu, Francesca Malleo, Luca Tricarico

giovedì 11 aprile

18.00 – Info-Day Premio Mutti-AMM 2019 – Il Cinema Migrante
Il Premio Mutti AMM, giunto all’undicesima edizione, è rivolto ad autori originari di Asia, Africa, Europa orientale, Balcani, Medio Oriente, Centro e Sud America e residenti nel territorio italiano da almeno 12 mesi. Il concorso seleziona un progetto filmico presentato da un/a autore/trice migrante e/o di origine straniera.
Talk: CONTROCAMPI. La contronarrazione dell’Italia e delle migrazioni nel cinema italiano
con Suranga Katugampala, regista; Giampiero Judica, attore, associazione amici di Giana; Elisa Serangeli, Fondazione PIanoterra; Alessio Genovese, Ass. Zabbara/progetto Funkino ; Alessandro Rais, Sicilia Film Commission.
Proiezione in anteprima nazionale de L’Interprete, Hleb Papou (Italia, 2018,17′)
20.45 – Proiezione “Per un Figlio”, Suranga Katugampala (Italia, 2016, 74′)

venerdì 12 aprile
10.00 – Workshop a cura di Nesta Italia.
Spazi Piattaforma per comunità planetarie

Il settore culturale e creativo contribuisce in modo rilevante ai processi di innovazione nei territori: non solo rispetto alla produzione di progetti e iniziative con approcci collaborativi, ma anche nel ruolo di connettore fondamentale tra gruppi sociali, gestendo spazi e servizi essenziali alla costruzione di comunità inclusive e coese.
Esploreremo la natura, il potenziale e le modalità di costruzione degli Spazi Piattaforma, luoghi dove avvengono processi di innovazione sociale radicali e creativi, dove nascono nuove leadership locali in grado di tenere insieme le esigenze individuali e collettive per soddisfare bisogni difficilmente inquadrabili da logiche di mercato che fanno leva sulla condivisione e la solidarietà, contribuendo alla costruzione di un capitale sociale e umano.

SESSIONE I – Passeggiate Spaziali. Racconti di esperienze nazionali e internazionali
10.00 Apertura e Intro
10.15 Spazi Piattaforma: sviluppo territoriale e open innovation nel contesto italiano
(Luca Tricarico, Ricercatore, Nesta Italia)

10.45 Comunità reali: l’intelligenza collettiva per risolvere sfide sociali
complesse e creare nuove collaborazioni. Everyone, everyday
Initative: una storia in divenire (Federica Fulghesu, Project Manager, Nesta Italia)
11.15 Break
11.30 Chi sono i “Landmakers”? Il caso studio di Places of Hope (Suzanne Potjer
Researcher, Urban Future Studio)
12.00 Costruire lo spazio comune
(Stefano Ragazzo, Architetto)
12.30 Confronto // attività

14.00 – Pausa pranzo al termine dell’universo

15.00 – Pitch Invaders
Aissetou Jaiteh Gambia, African Queens’creation
Esperance H. Ripanti, Videolibro surprise

16.00 – Incontri Ravvicinati
Karim Metref, giornalista e scrittore dialoga con Roberta Lo Bianco e i Ragazzi Harraga

18.00 – Conversazioni galattiche

Cittadinanza e Diritto all’innovazione: narrative, strumenti e scenari futuri a cura di Nesta Italia

Quali strumenti e quali politiche avvicinano i cittadini ai processi di innovazione? Come sono stati introdotti obiettivi di inclusione negli strumenti e nelle pratiche di innovazioni? Quali piattaforme spaziali e digitali interpretano una visione diversa della società del futuro: dove diversità e inclusione diventano un’opportunità e la sperimentazione una prassi ordinaria nelle pratiche in grado di catalizzare le forze creative locali. Visioni da angolature diverse dibattono sul tema.

Con: Clelia Bartoli (Università degli Studi di Palermo), Claudio Arestivo (Moltivolti/Mediterranea Saving Humans), Marco Zappalorto (Nesta Italia), Sergio Galasso (Itinerari Paralleli), Guido Smorto (Università degli studi di Palermo), Fausto Melluso (Comune di Palermo)

20.00 – Aperitivo Planetario

21.00 – Concerto
The Golden Bough
Gianni Gebbia sax, Francesco Guaiana chitarra, Gabrio Bevilacqua contrabbasso

sabato 13 aprile

10.00 – Workshop a cura di Nesta Italia.
Spazi Piattaforma per comunità planetarie

SESSIONE II – Strumenti

Il secondo giorno sarà interamente dedicato alle pratiche progettuali. Tramite la sperimentazione della metodologia dei sociolab i partecipanti saranno ingaggiati in un’attività laboratoriale volta a mettere in pratica strumenti e le metodologie utili a sviluppare e gestire spazi piattaforma.

10.00 Apertura e Intro
10.15 Valorizzare competenze e risorse locali sottoutilizzate
10.45 Progettazione per l’inclusione
11.15 Break
11.30 Costruire schemi di collaborazione con le comunità locali
12.00 Gestire partnership e alleanze con soggetti interessati privati ​​e pubblici
12.30 Esplorare il ruolo delle tecnologie emergenti e delle piattaforme digitali come strumento di costruzione di relazioni

14.00 – Pausa pranzo al termine dell’universo

15.00 – Pitch invaders
Florinda Sajeva – Farm Cultural Park, Countless Cities
Doudou Diouf – Ciwara, Ristorazione, cultura, musica a Palermo.

16.00 – Incontri Ravvicinati
Matteo Moretti, Design for migration dialoga con Loriana Cavaleri e i partecipanti al progetto Giocherenda

18.00 – Conversazioni galattiche: Futuro Plurale
Il giardiniere planetario teorizzato da Gilles Clément propone di guardare la diversità come una garanzia di futuro per l’umanità. Occorre conoscere, recensire e proteggere la diversità. La diversità o meglio la questione di come stare insieme nella diversità, sperimentando nuove forme di collaborazione, è il tema da cui dipende il futuro delle comunità e va affrontato nella sua complessità. Le identità contemporanee, individuali e collettive, sono sempre più frutto di innesti pluriculturali. Come coltivare questi nuovi giardini?

Partecipano: Esperance Ripanti, giornalista e attivista; Nwares Ghouma, collettivo Italiani senza cittadinanza; Lina Hissa, artista; Elide Lattuca, collettivo Afroitalian Souls; Yodit Abraha, mediatrice culturale; Adham Darwash, Assessore alla Cultura di Palermo. Modera Martino Lo Cascio

Proiezione: Palermo african sound, un documentario musicale (2’44”, work in progress) di Giuseppe Schillaci

www.nuovepratiche.it
Clac, Pescevolante, Comune di Palermo
Main Partner: Nesta Italia
Hospitality: Foresteria Valdese
Media Partner: cheFARE

NUOVE PRATICHE FEST sostiene MEDITERRANEA SAVING HUMANS e REFUGEES WELCOME PALERMO, infopoint saranno disponibili durante i tre giorni del festival.

Calendario

<< Dic 2019 >>
lmmgvsd
25 26 27 28 29 30 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5