Sognavamo nelle notti feroci

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 29/01/2020
17:00 - 20:00

Luogo
Villino Florio

Categorie


“Sognavamo nelle notti feroci”
Suoni, visioni, racconti, fra memoria e cultura ebraica
Una rassegna del CRICD
Centro regionale per l’Inventario, la Catalogazione e la Documentazione

a cura di Selima Giorgia Giuliano e Helga Marsala
27-30 gennaio 2020
Villino Florio – Viale Regina Margherita 38, Palermo

Quattro appuntamenti, da lunedì 27 gennaio (Giorno della Memoria) fino a giovedì 30 gennaio, dedicati al ricordo doloroso della Shoah e alla forza della tradizione culturale ebraica, nel segno della testimonianza, dell’impegno autoriale, della narrazione e della reinvenzione creativa: musica, cinema documentario, film d’animazione, incontri, riflessioni e anticipazioni.
Il titolo riporta il primo verso della struggente poesia di Primo Levi “La tregua”, scritta l’11 gennaio del 1946 e scelta poi per aprire l’omonimo libro, pubblicato per Einaudi nel 1963.
La sede è quella dello splendido Villino Florio, gioiello del Liberty palermitano, di proprietà della Regione Siciliana, costruito per volere della famiglia Florio su progetto di Ernesto Basile, tra il 1899 e il 1902.
PROGRAMMA

27.1.2020
ore 17.00
Saluti: Selima Giorgia Giuliano, direttore del CRICD – Giuseppe Giammalva, Commissario Straordinario del CRICD

Proiezione del film di Péter Forgács “THE MAELSTROM: A FAMILY CHRONICLE” – Olanda / 1997 / 60′.
Introduce Laura Cappugi, Dirigente teche e servizi multimediali (CRICD).
> Per questa sua affascinante produzione filmica, Forgács utilizza un corposo archivio di immagini girate in Olanda, prima e durante la Seconda guerra mondiale, relative alla famiglia Peereboom. Tra i vari frammenti, anche quelli relativi alla deportazione: apprestandosi, con tragica inconsapevolezza, a un presunto viaggio verso il “campo di lavoro”, i Peereboom saranno spediti in realtà verso l’orrore di Auschwitz. Le didascalie che scorrono generano una narrazione silenziosa, mentre la colonna sonora è costituita da suoni dell’epoca, tratti da trasmissioni radio, oltre che dai suoni cupi e sperimentali di Tibor Szemzõ.
ore 18.30
Shalom Nigun Ensemble in concerto con “Memoria della Shoah. Olocausto Mediterraneo”: Maurizio Maiorana (voce e tubet), Manuela Sarzana (voce), Michela Alamia (voce), Pietro Marchese (mandolino, mandola), Nicola Marchese (chitarra).
> “C’è qualcosa in comune tra la Shoah messa in atto dai nazifascisti e la strage di vite umane che nei nostri giorni sta insanguinando il Mediterraneo e le piste lungo le quali profughi di tanti popoli tentano di fuggire dalle guerre, dalle persecuzioni e dalla fame. Questo qualcosa è l’indifferenza”. È quanto prova a raccontare lo Shalom Nigun Ensemble, attraverso l’esecuzione di canti ebraici e antiche armonie mediterranee. Un appello alle coscienze.

28.1.2020
ore 17
Proiezione del documentario “LA STRADA DI LEVI”, prodotto e diretto da Davide Ferrario, sceneggiatura di Davide Ferrario e Marco Belpoliti – Italia / 2006 / 92’.
Introduce Laura Cappugi, Dirigente teche e servizi multimediali (CRICD).
> Il 27 gennaio 1945 Primo Levi veniva liberato dal campo di concentramento di Auschwitz: ci vollero dieci mesi e migliaia di chilometri per raggiungere Torino e tornare a casa, attraversando la Polonia, l’Ucraina, la Bielorussia, la Moldavia, la Romania, l’Ungheria, la Slovacchia, l’Austria e la Germania: un’esperienza difficile, raccontata poi nel libro “La Tregua”. Sessant’ anni dopo il regista Ferrario e lo scrittore Belpoliti ripercorrono le tracce di quel viaggio nell’odierna Europa post-comunista. Una ricostruzione dei ricordi di Levi ma anche delle condizioni dei moderni cittadini europei, visitando i resti dell’impero sovietico, Chernobyl, raduni neo-nazisti, villaggi di poveri emigranti. Con le musiche di Daniele Sepe, un’avventura lunga 6ooo chilometri, 10 frontiere, 6o anni di storia.
L’omonimo libro – una conversazione tra i due autori e lo scrittore Andrea Cortellessa, a proposito del film – uscì insieme al DVD per Marsilio, nel 2007, poi ristampato da Chiarelettere nel 2010.
29.1.2020
Giornata dedicata al cartone animato “LA STELLA DI ANDRA E TATI”, regia di Rosalba Vitellaro e Alessandra Viola, disegni di Annalisa Corsi, una produzione da Larcadarte, in collaborazione con Rai Ragazzi e Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca – Italia / 2018 / 26’.

29.1.2020
ore 9-13
Proiezione per le scuole secondarie di primo e secondo grado.
ore 17
Proiezione del film e incontro/dibattito con Rosalba Vitellaro e Alessandra Viola.
> È il primo cartoon che racconta la Shoah vista con gli occhi di due bambine di 4 e 6 anni: è la storia vera delle sorelle Alessandra e Tatiana Bucci, ebree italiane di Fiume, deportate ad Auschwitz il 29 marzo del 1944, insieme alla madre, alla nonna, alla zia e al cuginetto.
L’opera, accolta con entusiasmo dalla critica e dal pubblico, è stata premiata con il Rockie Award al prestigioso Banff World Media Festival (Canada), come miglior film di animazione per ragazzi. L’omonimo libro, firmato dalle due autrici, è stato pubblicato da De Agostini nel 2019.

30.1.2020
dalle ore 17.00
> In apertura un intervento di musica tradizionale ebraica, con antichi canti del popolo Yiddish eseguiti dallo Yankele Ensemble: Luisa Hoffmann (voce), Dario Compagna (clarinetto), Pierpaolo Petta (fisarmonica).
> Il regista Salvo Cuccia presenta “PER UNA STORIA DEGLI EBREI NEL NOVECENTO IN SICILIA” – frammenti inediti di preparazione di un documentario prodotto dal CRICD.
> Segue un incontro con Agata Bazzi e Alessandro Hoffmann, autori di due libri che ricordano, rispettivamente, le vicende delle famiglie ebree palermitane Ahrens e Hoffmann: “La luce è là” (Mondadori, 2019) e “Storia di una famiglia di origine ebrea a Palermo” (Carlo Saladino Editore, 2019).
Interviene il Prof. Giuseppe Savagnone, editorialista de “L’Avvenire”.

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti

Gli altri consigli di oggi: